ENDODONZIA

Endodonzia

Terapia canalare elementi vitali

 È la branca dell’odontoiatria che si occupa della terapia dell’endodonto, lo spazio all’interno del dente che contiene la polpa dentaria.

Si ricorre alla terapia endodontica quando una lesione (cariosa o traumatica) provoca un’alterazione del tessuto pulpare, fino a determinarne la necrosi.

È possibile inoltre ricorrere a questa metodica quando il dente deve essere coinvolto in una riabilitazione protesica che, a causa della notevole riduzione di tessuto dentale (preparazione del moncone), determinerebbe un aumento della sensibilità residua o un’alterazione pulpare irreversibile (necrosi pulpare per cause iatrogene).

Può inoltre rendersi necessaria quando è presente un’ampia distruzione del dente che non rende possibile la sua ricostruzione con buona garanzia di successo senza dover fare ricorso ad un “ancoraggio” dell’otturazione attorno ad un perno che venga introdotto nel canale per dare stabilità alla ricostruzione stessa.

 

Terapia canalare elementi necrotici

A seguito di un processo carioso o per carie recidivante sotto ad un’ampia ricostruzione che interessa la camera pulpare fino a determinarne la necrosi, si è spesso costretti a procedere ad un trattamento endodontico. Per capire se la polpa di un dente è in necrosi i sintomi sono: test di sensibilità termica al freddo con esito negativo; il dente è estremamente dolente alla percussione; il paziente riporta sensazione soggettiva di “dente alto”. In questo caso la procedura è uguale a tutte le terapie canalari e se occorre prima di chiudere lo spazio endodontico si medica con sostanze disinfettanti che ne riducono velocemente i sintomi sopra descritti.

Ritrattamento canalare

Il ritrattamento endodontico fa parte di quelle pratiche a volte più complesse. Gli obiettivi del ritrattamento sono identici a quelli auspicati alla fine del trattamento endodontico praticato sul dente non trattato, cioè quello di avere alla fine un dente devitalizzato ma senza lesioni all’apice.

La necessità e le cause del reintervento canalare possono essere molteplici. La presenza di una lesione periapicale identificata radiograficamente, accompagnata da dolore e/o da manifestazioni ascessuali ricorrenti, è spesso considerata un’indicazione assoluta all’intervento.

La causa della maggior parte dei fallimenti del trattamento endodontico è un inadeguato sigillo apicale. In questo caso il trattamento endodontico non chirurgico è spesso preferito alla chirurgia o all’estrazione. La rimozione del materiale da otturazione canalare precedentemente posizionato, procedura difficile e noiosa, e la creazione di un nuovo sigillo apicale, sono i requisiti richiesti per il successo di un ritrattamento. Questo tipo di terapia non è sempre possibile se all’interno del canale sono stati posizionati cementi o perni non rimovibili.

 

Chirurgia endodontica e apicectomia

In presenza di lesioni apicali al dente che non rispondono alla terapia convenzionale o che non possono essere trattate perché l’accesso al canale non è più possibile per la presenza di corone, perni canalari o corpi estranei, si procede alla rimozione della lesione tramite la chirurgia endodontica o apicectomia, seguita dall’asportazione di 3-4 mm più apicali di una radice del dente.

 

Non è indicato fare una apicectomia quando le radici del dente sono troppo corte per poter reggere un ulteriore accorciamento, quando la/le radici sono fratturate o quando il dente è da estrarre.

ORARI

  • Lunedì :9.00 - 19.00
  • Martedì :9.00 - 19.00
  • Mercoledì :9.00 - 19.00
  • Giovedì :9.00 - 19.00
  • Venerdì :9.00 - 19.00

PRENOTA ora UN APPUNTAMENTO






Acconsento al trattamento dei dati personali come definito nella Privacy Policy


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi