LA STRUTTURA DELLE ARCATE DENTALI E I NOMI DEI DENTI

19 Giu 2018

LA STRUTTURA DELLE ARCATE DENTALI E I NOMI DEI DENTI

Vi siete mai chiesti a cosa serve ogni dente e qual è il suo nome? Oggi vogliamo darvi queste risposte e approfondire insieme quella che è per noi dello Studio Labanca la quotidianità. Il sistema dei denti umani è complesso e molto differenziato: i denti che compongono la nostra bocca hanno nomi, conformazioni e posizioni diverse, caratteristiche particolari e funzioni specifiche. Questa differenziazione e specializzazione si è sviluppata proprio per garantire all’uomo, animale onnivoro, una dieta ricca e varia.

SORRIDERE A 32 DENTI

Come si usa dire, il nostro è un sorriso a 32 denti: questi sono divisi equamente tra le due arcate dentali: 16 denti nell’arcata superiore e altri 16 per l’arcata inferiore. Le strutture ossee che supportano le arcate dentali sono le ossa mascellari: l’osso che supporta i denti superiori è chiamato mascella, quello che alloggia i denti inferiori è detto mandibola. Ogni arcata può considerarsi divisibile in due semiarcate simmetriche, una di destra ed una di sinistra. È importante ricordare che in medicina, quando si parla di destra e sinistra, ci si riferisce sempre alla destra e sinistra del paziente e non dell’osservatore. Ciascuna arcata presenta: 4 incisivi 2 canini 4 premolari 6 molari (compresi i denti del giudizio).

 

POSIZIONI E FUNZIONI DEI DENTI

INCISIVI Gli incisivi sono situati frontalmente al centro delle arcate dentarie e sono 4 per ogni arcata, 8 in totale. La loro funzione nella masticazione è quella di incidere, strappare e sminuzzare il cibo, per questo hanno una forma piatta e larga. Variano nella grandezza e normalmente gli incisivi dell’arcata superiore sono più grandi di quelli dell’arcata inferiore. I 4 incisivi sono dapprima presenti come denti da latte o decidui e poi sostituiti da quelli definitivi.

CANINI I canini sono posizionati subito dopo gli incisivi e prima dei premolari, sono 2 per ogni arcata, in totale 4. Sono i denti più lunghi, principalmente per la lunghezza della loro radice, che serve a dare stabilità e robustezza. Come indica il loro nome, i canini sono denti legati all’alimentazione carnivora: la loro funzione è infatti quella di strappare e sminuzzare il cibo più stopposo come la carne. Anche i canini sono dapprima presenti come decidui e poi sostituiti dai definitivi. Giova ricordare, soprattutto per tranquillità delle mamme, che spesso il canino definitivo spunta molto all’esterno, in una posizione inattesa!

PREMOLARI I premolari sono posizionati dopo i canini, sono 4 in ogni arcata, per un totale di 8. Per forma e funzione, sono una combinazione tra canini e molari. La loro funzione nella masticazione è quella di triturare il cibo. I primi premolari dell’arcata superiore hanno due radici mentre gli altri premolari ne hanno soltanto una. Esistono solo come denti definitivi e non come denti da latte: quando crescono sostituiscono i molari da latte preesistenti.

MOLARI I molari sono posizionati alla termine dell’arcata dentaria. Gli adulti hanno 6 molari nell’arcata superiore e altrettanti in quella inferiore, per un totale di 12 molari. Non sono presenti in arcata come denti decidui e compaiono solo come denti definitivi. Sono i denti più grandi di tutta la bocca, hanno una forma tozza e possente e la loro funzione è quella di macinare e sminuzzare il cibo prima che venga inghiottito. I molari vengono indicati come primo, secondo e terzo. Il terzo e ultimo molare è quello comunemente chiamato dente del giudizio. Va ricordato che il dente del giudizio non sempre è presente in arcata. Può non esserci proprio o restare per tutta la vita incluso nell’osso, rendendo quindi il nostro splendido sorriso a… 28 denti!!

LA NUMERAZIONE Qui in studio avrete sentito spesso chiamare i denti per numero e non per nome, questo perché l’odontoiatria ha la necessità di utilizzare un linguaggio che permetta l’identificazione precisa di ciascun dente. Per evitare errori e standardizzare la comunicazione, l’organizzazione mondiale della sanità ha quindi stabilito un sistema di numerazione dentale che permette di individuare i denti attraverso un linguaggio universalmente riconosciuto. Secondo il sistema di numerazione dentale FDI la bocca viene suddivisa in quattro quadranti, con due sezioni per arcata: Ÿ
Semiarcata superiore destra, indicata con il numero 1 Ÿ
Semiarcata superiore sinistra, indicata con il numero 2 Ÿ
Semiarcata inferiore sinistra, indicata con il numero 3 Ÿ
Semiarcata inferiore destra, indicata con il numero 4

Ogni semiarcata comprende 8 denti, numerati da 1 a 8 a partire dal primo incisivo fino all’ultimo molare.
Ogni dente viene identificato dalla combinazione di due numeri: quello del quadrante (da 1 a 4) e quello della sua posizione (da 1 a 8). Quindi se per esempio si parla del dente 18, ossia 1-8, il numero 1 indica la semiarcata superiore destra, mentre l’8 l’ultimo dente, ossia il terzo molare. Una sorta di battaglia navale in cui si combinano numero della semiarcata e numero del dente per individuare un obiettivo ben preciso! Abbiamo visto che i denti sono tanti e tutti diversi: saperne il nome, la funzione e la numerazione non sarà forse fondamentale, ma può essere un modo per conoscere meglio la nostra bocca, averne più cura e anche capire meglio di cosa parliamo quando siete da noi o quando vi consegniamo il nostro preventivo, sempre nell’ottica della maggior chiarezza e trasparenza possibile!

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi